Documentazione della nave

ll cacciatorpediniere Da Noli, era una bellissima nave della Regia Marina italiana.Varato nel 1928, era lungo 107 metri e, con il suo armamento costituito da sei cannoni da 120 mm in tre postazioni binate, 3 tubi per il lancio di siluri da 500 mm, e numerose mitragliatrici anti-aeree, era una temibile unità da combattimento.

La sua attività durante la Seconda Guerra mondiale fu dura ed intensissima: in tre anni salpò per ben 208 missioni di guerra, delle quali 73 per la scorta di convogli.

Innumerevoli volte si trovò sotto il fuoco del nemico, vide navi affondare, soccorse e recuperò i superstiti di convogli distrutti. Fu uno dei protagonisti della guerra navale in Mediterraneo, sulle rotte per la Libia prima e sulla Rotta della Morte poi. Per tre anni, con una spola continua e quasi senza sosta, trasportò truppe, posò campi minati, diede caccia a sommergibili e ad unità avversarie, abbattè aerei, cannoneggiò postazioni a terra.

Il 9 settembre 1943, durante gli eventi immediatamente successivi all’armistizio, mentre attraversa ad alta velocità lo Stretto di Bonifacio per congiungersi al grosso della flotta, il Da Noli, impegnato in combattimento con unità e batterie di artiglieria tedesche poste sulla costa della Corsica, urtò una mina ed affondò nel giro di un minuto. il suo scafo fu spezzato in due, così come spezzata in due, da quel giorno e per molti anni, sarà la Nazione. Morirono il suo comandante e 238 uomini del suo equipaggio.

La fine del Da Noli seguì di appena un’ora il tragico affondamento della corazzata Roma, ammiraglia della flotta italiana, avvenuto a poche miglia di distanza.Il bellissimo relitto del Da Noli giace ora a 110 metri di profondità nelle acque delle Bocche di Bonifacio.

In questi anni lo abbiamo visitato numerose volte, cercando di documentarlo al meglio con fotografie e video…

© 2018 by UWFRONTIERS.

  • White Facebook Icon
0